Rassegna Stampa

ASSOCIAZIONE SETTEMARI – La premiazione il 16 gennaio
Baratta veneziano dell’anno
Il “veneziano dell’anno” che l’associazione Settemari ha scelto per il 2010 è Paolo Baratta, presidente della Biennale. Il Comitato promotore del premio, patrocinato con la collaborazione della Cassa di Risparmio di Venezia, giunto alla 32. edizione, ha formulato all’unanimità la motivazione con cui è stato scelto Baratta che ha “consolidato e diffuso, con signorile determinazione, la secolare presenza della Biennale nella vita e nel tessuto urbano della città, restituendo lala comunità edifici e ambienti prestigiosi risanati e suggerendo il destino per Venezia quale privilegiata sede universale dell’arte e della cultura”. La cerimonia si svolgerà il 16 gennaio prossimo alle 10,30 alle Sale Apollinee della Fenice. Il sindaco ha accolto la notizia “condividendo in pieno le motivazioni” ed “esprimendo le congratulazioni all’amico Paolo Baratta, lieto che sia stato riconosciuto il suo costante e prezioso impegno per la città”.
Sabato 4 Dicembre 2010

PREMI
Baratta “Veneziano dell’anno”
Il premio “Veneziano dell’anno”, dell’associazione Settemari, è stato attribuito per il 2010 a Paolo Baratta, Presidente della Biennale, per averne «consolidato e diffuso, con signorile determinazione, la secolare presenza nella vita e nel tessuto urbano della città». La cerimonia di premiazione si terrà il 16 gennaio alla Fenice. Fra i complimenti quelli di Luca Zaia, che ha sottolineato la sua opera in difesa della Mostra del Cinema contro i numerosi attacchi esterni.
Sabato 4 Dicembre 2010

E’ Paolo Baratta il “Veneziano dell’anno” per il 2010
Assegnato il premio dell’associazione Settemari al presidente della Biennale
VENEZIA. E’ stato attribuito al presidente della Biennale, Paolo Baratta, il premio 2010 “Veneziano dell’anno”, istituito dall’associazione Settemari. Tra le motivazioni dell’assegnazione a Baratta, quella di ”aver consolidato e diffuso, con signorile determinazione, la secolare presenza della Biennale nella vita e nel tessuto urbano della città”. ”Ringrazio gli amici veneziani che hanno voluto onorarmi con questo riconoscimento, e con una motivazione così lusinghiera”, ha commentato Baratta. Il premio, sottolinea, è così anche ”un abbraccio da parte di veneziani doc alla Biennale, pienamente compresa come una vitale energia per l’ambizioso futuro della città all’altezza della sua storia”. La cerimonia di premiazione si terrà domenica 16 gennaio 2011 alle ore 10.30, nelle Sale Apollinee del Teatro La Fenice. I primi complimenti per Baratta arrivano dal governatore Luca Zaia: ”Caro Presidente, sono davvero lieto del premio che ti è stato conferito. Credo, infatti – scrive Zaia -, che la tua azione culturale in favore della città e dunque della Regione del Veneto, sia stata in questi anni di grande professionalita”’. ”In particolare – aggiunge Zaia – vorrei segnalare a tuo merito la strenua difesa della Biennale Cinema dai numerosi attacchi sferrati da eserciti che vorrebbero prosciugare l’unicità di quella mostra”.
Sabato 4 Dicembre 2010

Baratta è il «Veneziano dell’Anno»
Il premio della Settemari va al presidente della Biennale
La Biennale non più «corpo estraneo» alla città, con le sue logiche da grande istituzione internazionale, grazie a Paolo Baratta. E’ questo il significato puiù profondo del riconoscimento di «Veneziano dell’anno 2010» che l’Associazione Settemari ha deciso di conferire quest’anno al presidente della Biennale. «Per aver consolidata e diffusa, con signorile determinazione – si legge nella motivazione del premio a Baratta – la secolare presenza della Biennale nella vita e nel tessuto urbano della città, resituendo alla comunità edifici e ambienti prestigiosi finalmente risanati e suggerendo, con una visione strategica di largo respiro, il destino per Venezia quale privilegiata sede universale dell’arte e della cultura». L’ingegner Baratta veneziano non è – essendo milanese – ma la”cittadinanza” ideale è legata soprattutto agli interventi compiuti negli ultimi anni, molto “veneziani”, perché hanno ampliato gli spazi della fondazione, restituendoli, però, contemporaneamente all’uso della città. Dall’Arsenale, che proprio Baratta – nel suo precedente mandato presidenziale – è stato il primo a recuperare, intervenendo su Corderie, Artiglierie e Tese. All’Asac, l’Archivio storico delle arti contemporanee, finalmente riaperto per studenti e studiosi dopo molti anni, ai Giardini. Al recupero della sede storica della Biennale di Ca’ Giustinian, trasformata però in una casa della cultura aperta anche ai cittadini, con un nuovo affaccio sul Canal Grande. Legittima la soddisfazione di Baratta: «Ringrazio gli amici veneziani che hanno voluto onorarmi con questo riconoscimento e con una motivazione cos’ lusinghiera. Mi fa particolarmente piacere perché essa indirettamente è anche un abbraccio da parte di veneziani doc alla Biennale, pienamente compresa come una vitale energia per l’ambizioso futuro della città all’altezza della sua storia», Il premio di veneziabno dell’Anno verrà consegnato a Baratta il 16 gennaio nelle Sale Apollinee. (e.t.)
Sabato 4 Dicembre 2010

Cinema: presidente Biennale Baratta nominato “Veneziano dell’anno”
Roma – Il comitato promotore del premio ”Veneziano dell’anno”, patrocinato dalla Associazione Settemari in collaborazione con la Cassa di Risparmio di Venezia giunto alla sua trentaduesima edizione, ha deliberato alla unanimita’ di assegnare il riconoscimento per il 2010 al presidente della Biennale di Venezia Paolo Baratta ”per aver consolidata e diffusa, con signorile determinazione -si legge nella motivazione’ la secolare presenza della Biennale nella vita e nel tessuto urbano della citta’, restituendo alla comunita’ edifici e ambienti prestigiosi finalmente risanati e suggerendo, con una visione strategica di largo respiro, il destino per Venezia quale privilegiata sede universale dell’arte e della cultura”.
”Ringrazio gli amici veneziani che hanno voluto onorarmi con questo riconoscimento e con una motivazione cosi’ lusinghiera -sottolinea Baratta- mi fa particolarmente piacere perche’ essa indirettamente e’ anche un abbraccio da parte di veneziani doc alla Biennale, pienamente compresa come una vitale energia per l’ambizioso futuro della citta’ all’altezza della sua storia”.
La cerimonia di consegna del premio si terra’ domenica 16 gennaio 2010 alle 10,30 nelle sale apollinee del Gran Teatro La Fenice, a Venezia, in campo San Fantin.
Venerdì 3 Dicembre 2010
Paolo Baratta “Veneziano dell’anno”
Il riconoscimento assegnato dalla Associazione Settemari in collaborazione con la Cassa di Risparmio di Venezia – la cerimonia sarà tenuta domenica 16 gennaio 2011
Il comitato promotore del premio “Veneziano dell’anno” – patrocinato dalla Associazione Settemari in collaborazione con la Cassa di Risparmio di Venezia e giunto alla sua trentaduesima edizione – ha deliberato all’unanimità di assegnare il riconoscimento per il 2010 a Paolo Baratta, Presidente della Biennale di Venezia, con la seguente motivazione:

“Per aver consolidata e diffusa, con signorile determinazione, la secolare presenza della Biennale nella vita e nel tessuto urbano della città, restituendo alla comunità edifici e ambienti prestigiosi, finalmente risanati, e suggerendo, con una visione strategica di largo respiro, il destino per Venezia quale privilegiata sede universale dell’arte e della cultura”.

L’Associazione Settemari conferisce a
PAOLO BARATTA
Presidente della Biennale di Venezia
il riconoscimento di
VENEZIANO DELL’ANNO
2010
La cerimonia sarà tenuta domenica 16 gennaio 2011 alle ore 10.30 nelle Sale Apollinee del Gran Teatro La Fenice, a Venezia, in campo San Fantin.

Il premio “Veneziano dell’anno” giunge con questa alla sua trentaduesima edizione. In precedenza avevano ottenuto lo stesso riconoscimento: 1978 Giorgio e Maurizio Crovato – 1979 Umberto da Preda e Sergio Cesca – 1980 Mario Rigo – 1981 Antonio Rosa Salva – 1982 l’Ammiraglio Renato Fadda – 1983 Maria Francesca Tiepolo – 1984 Uto Ughi e Bruno Tosi – 1985 Giancarlo Ligabue – 1986 Sandro Meccoli – 1987 il quotidiano “il Gazzettino” – 1988 Sergio Tagliapietra e Palmiro Fongher – 1989 gli ultimi residenti dei litorali Veneziani – 1990 Feliciano Benvenuti – 1991 Alvise Zorzi – 1992 il “Teatro la Fenice” in occasione del suo bicentenario – 1993 Sir Ashley Clarke (alla memoria) – 1994 Mara Venier – 1995 Piero Rosa Salva – 1996 La comunità ebraica di Venezia – 1997 Paolo Costa – 1998 Maurizio Zamparini – 1999 Ivano Beggio – 2001 la comunità armena di Venezia – 2002 Paolo Gardin – 2003 Barbara di Valmarana e l’associazione “Amici della Fenice”- 2004 Carla Poli e il Teatro “all’Avogaria”- 2005 Egidio Martini -2006 Frances Clarke – 2007 Marino Zorzi – 2008 La società sportiva Reyer nelle persona del presidente Luigi Brugnaro – 2009 Alberto Sonino.

Premio “Veneziano dell’anno” 2010
Una dichiarazione di Paolo Baratta
“Ringrazio gli amici veneziani che hanno voluto onorarmi con questo riconoscimento, e con una motivazione così lusinghiera.
Mi fa particolarmente piacere perché essa indirettamente è anche un abbraccio da parte di veneziani doc alla Biennale, pienamente compresa come una vitale energia per l’ambizioso futuro della città all’altezza della sua storia”.
Paolo Baratta
Presidente della Biennale di Venezia
Venezia, 3 dicembre 2010
“Veneziano dell’anno” 2010 a Paolo Baratta, dichiarazione del sindaco di Venezia
In merito alla notizia del conferimento del premio “Veneziano dell’anno” 2010 al presidente della Biennale di Venezia Paolo Baratta, il sindaco di Venezia Giorgio Orsoni ha rilasciato oggi la seguente dichiarazione. “Condividendo in pieno le motivazioni che hanno spinto il comitato promotore del Premio “Veneziano dell’anno” verso questa scelta, voglio esprimere le mie congratulazioni all’amico Paolo Baratta, lieto che sia stato riconosciuto il suo costante e prezioso impegno per la città”.
Venezia, 3 dicembre 2010

I commenti sono chiusi.