Anno 2010 Paolo Baratta

 

Il comitato promotore del premio “Veneziano dell’anno” – patrocinato dalla Associazione Settemari in collaborazione con la Cassa di Risparmio di Venezia e giunto alla sua trentaduesima edizione – ha deliberato all’unanimità di assegnare il riconoscimento per il 2010 a Paolo Baratta, Presidente della Biennale di Venezia, con la seguente motivazione:

“Per aver consolidata e diffusa, con signorile determinazione, la secolare presenza della Biennale nella vita e nel tessuto urbano della città, restituendo alla comunità edifici e ambienti prestigiosi finalmente risanati e suggerendo, con una visione strategica di largo respiro, il destino per Venezia quale privilegiata sede universale dell’arte e della cultura”

La cerimonia si è tenuta  domenica 16 gennaio 2011 nelle Sale Apollinee del “Gran Teatro La Fenice”, a Venezia, in campo San Fantin.

Paolo Baratta ha dichiarato: “Ringrazio gli amici veneziani che hanno voluto onorarmi con questo riconoscimento, e con una motivazione così lusinghiera. Mi fa particolarmente piacere perché essa indirettamente è anche un abbraccio da parte di veneziani doc alla Biennale, pienamente compresa come una vitale energia per l’ambizioso futuro della città all’altezza della sua storia”.

 

 

PREMIO VENEZIANO DELL’ANNO. ZAIA SI CONGRATULA CON BARATTA: “STRENUA LA TUA DIFESA DELLA BIENNALE CINEMA”

Comunicato stampa N° 2213 del 03/12/2010
(AVN) Venezia, 3 dicembre 2010

“Caro Presidente, sono davvero lieto del premio che ti è stato conferito. Credo, infatti, che la tua azione culturale in favore della città e dunque della Regione del Veneto, sia stata in questi anni di grande professionalità. In particolare vorrei segnalare a tuo merito la strenua difesa della Biennale Cinema dai numerosi attacchi sferrati da eserciti che vorrebbero prosciugare l’unicità di quella mostra”. E’ questo il messaggio che il presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, ha inviato al presidente della Biennale di Venezia, Paolo Baratta, al quale l’Associazione Settemari ha deciso di attribuire il premio “Veneziano dell’anno 2010”.

I commenti sono chiusi.